Panasonic Lumix DMC-TZ55: La Recensione

Panasonic Lumix DMC-TZ55 è una fotocamera compatta superzoom, facile da trasportare e per questo adatta ad ogni occasione. Una soluzione perfetta per tutti coloro che fanno del “point & shot” il proprio stile di scatto.

HARDWARE
Lumix TZ55 monta un sensore CMOS da 16 Megapixel effettivi e un obbiettivo decisamente performante e maneggevole. Ha infatti una lunghezza focale invidiabile equivalente a 24-480 mm, perciò un ottimo grandangolo e un teleobbiettivo utile per catturare anche il minimo dettaglio, grazie ad uno zoom ottico 20x e un intelligent zoom 40x. Delude invece il dato sull’apertura del diaframma: F/3.3-F/8 (Grandangolo), F/6.4-F/8 (Tele); una scarsa apertura che accomuna quasi tutte le compatte superzoom data la lunghezza focale così ampia.
Da segnalare inoltre la possibilità di registrare video Full HD, per poter catturare ogni attimo, e l’utilissima connessione remota Wifi che permette di collegare la fotocamera con smartphone e tablet.
Lumix TZ55 si impugna piuttosto bene, è maneggevole ed è possibile utilizzarla ad una mano senza grossi disguidi. C’è da dire tuttavia che ha un peso un po’ eccessivo, che denota però un uso di materiali più ricercati e resistenti. Il materiale più utilizzato è la plastica, di ottima fattura con alcune finiture in metallo, poste nelle parte anteriore e posteriore.

tz55_1

INTERFACCIA/CONTROLLI
La fotocamera ha un design molto pulito e ragionato. I tasti sono posizionati in maniera convenzionale: nella parte superiore abbiamo il tasto ON/OFF, il tasto di scatto, il tasto di accensione/spegnimento Wifi e una ghiera di selezione delle modalità di scatto e filmato, che posizionata esattamente sul bordo risulta essere facilmente urtabile. Spesso infatti vedrete un messaggio comparire sullo schermo che indica un mal posizionamento della suddetta ghiera. Nella parte posteriore i tasti sono posizionati in maniera geometrica senza eccezioni, tutti sul lato destro dello schermo e tutti facilmente raggiungibili con la mano destra; ciò rende ovviamente l’uso ad una mano più semplice ed agevole.
Lo schermo LCD è una particolarità di questa TZ55: per la prima volta infatti sulla serie Lumix TZ viene montato un monitor ruotabile fino a 180°. Tale particolarità permetterà all’utente di scattare selfie in totale controllo dell’inquadratura, dato che potrà scrutarla direttamente dal display.

tz55_4

Lo schermo decisamente innovativo pecca tuttavia in qualità: è ben poco definito, sia nei parametri segnati sul display sia nella visualizzazione delle foto.
In più quando si va ad inquadrare lo schermo non risulta pulito perchè pregno di molte, troppe, informazioni relative ai parametri settabili; buona parte del monitor è infatti occupata da una sorta di bussola che mi permette di verificare che la foto sia dritta. Una funzione utile che però ci ostacola nella visione completa dello schermo.
Nota dolente è la mancanza di un mirino ottico: più spesso di quanto pensiate potremmo trovarci a scattare una foto senza direttive, al buio.
L’inquadratura sarà infatti verificabile solamente dal display ma sono molte le condizioni che potrebbero rendere difficile la vista del monitor stesso.
Il menù è intuitivo e semplice, le voci non sono molte perciò risulta sintetico e permette di modificare in tutta tranquillità tutti i parametri di interesse.
Si tratta di una compatta perciò il menù deve risultare accessibile in tutte le sue parti, solo così la fotocamera potrà adattarsi ad ogni situazione, grazie anche all’immediatezza del menù e delle modalità di scatto.

FEATURES
Pur non essendo una fotocamera orientata al manuale, attraverso la ghiera posta superiormente, è possibile selezionare alcune modalità di scatto: la Modalità Automatica (iA); la Modalità Scene (SCN), con la possibilità di selezionare tra una lunga lista di scene molto particolari che permettono di catturare un’immagine anche nelle condizioni più strane, nel miglior modo possibile; la Modalità Panoramica; la Modalità Program (P) che permette di scattare una fotografia con parametri posti automaticamente ma con la possibilità di tarare alcuni elementi a nostro piacimento come il bilanciamento del bianco e la compensazione dell’esposizione; la Modalità Manuale Priorità Apertura (A); la Modalità Manuale Priorità Tempo (S); la Modalità Manuale (M). E’ inoltre possibile selezionare le modalità C1 e C2, modalità manuali che permettono un settaggio personalizzato di alcuni parametri.
Sono presenti inoltre i classici filtri di scatto ormai insiti in ogni macchina fotografica presente sul mercato. La fotocamera è inoltre dotata di Flash posto sul lato destro rispetto all’obbiettivo.

IMAGE QUALITY
In questo caso il nostro giudizio dovrà considerare il livello di questa fotocamera ma soprattutto il target di clientela che si prefigge. L’immagine risulta essere non molto nitida in particolare quando si va ad utilizzare pesantemente lo zoom ottico.
I colori non rendono in maniera eccelsa, non sono particolarmente vivi probabilmente a causa della poca luminosità dell’obbiettivo che anche in presenza di luce diurna restituisce una foto un po’ cupa e con tonalità basse.
Nonostante questa problematica riscontrata le foto scattate risultano essere di buona qualità soprattutto sulla base del livello di questa fotocamera.
Qui di seguito una piccola galleria di fotografie scattate con la fotocamera.

Più complicato è lo scatto notturno: la fotocamera si comporta piuttosto bene quando deve scattare un ritratto notturno, grazie all’utilizzo del flash e alla possibilità di utilizzare specifiche scene che ne prevedono l’uso. I problemi si riscontrano soprattutto negli scatti notturni di un panorama: il flash infatti non risulta essere abbastanza potente per scattare una foto decente e senza flash la foto risulta essere molto mossa e rumorosa dato che si è costretti a scattarla in manuale con tempo di apertura molto elevato. Nemmeno selezionando tra le diverse scene sarà possibile scattare una foto al meglio. Ciò rappresenta una problematica che accomuna molte delle fotocamere compatte presenti sul mercato.

 Pro  Contro
– Eccellente lunghezza focale
– Display rotante di 180°
– Video in Full HD
– Dettaglio del display
– Obbiettivo poco luminoso
– Bassa qualità di immagine

CONCLUSIONI
Concludendo possiamo dire che Panasonic Lumix DMC-TZ55 può essere una ottima soluzione per coloro che cercano una compatta da viaggio, facile da utilizzare, che sia adatta ad ogni situazione grazie alle molte possibilità di scatto.
Disponibile in 3 colorazioni, Nero, Bianco e Bordeaux è una fotocamera accattivante anche dal punto di vista estetico. L’ottimo obbiettivo permette di scattare qualsiasi tipo di fotografia a discapito però della luminosità. La delusione sta nel display: innovativo ma con dettagli troppo scarsi. TZ55 può essere un ottimo strumento per approcciarsi al mondo della fotografia anche sotto l’aspetto manuale, anche grazie ad un prezzo piuttosto accessibile, poco meno di 200 Euro.

tz55_5

N.B.: Le fotografie proposte nella sezione “Image Quality” di questo articolo sono di proprietà di Techdifferent.it

PgSar

Sono un ragazzo attratto da tutto ciò che è tecnologico, dai dispositivi per il fitness, quelli per il business a quelli per l’home-entertainment.

  • è possibile vedere le immagini della galleria in formato originale?