JAGUAR: la realtà virtuale arriva sulle automobili

Per iniziare vi faremo sentire il rumore di un motore rombante…

Lo sentite? Questo è il suono di un motore V8 da 550cv, un suono melodioso, della benzina e dell’aria che si uniscono per esplodere e creare una delle sinfonie più belle dell’universo, e proviene da questa auto.

 

A034_C023_0508JA

La compagnia che ha prodotto questo gioiellino è Jaguar, un’azienda che negli ultimi tempi ha fatto showcase delle future tecnologie che implementerà sulle sue auto, e dato che c’è moltissimo di cui parlare mettiamoci subito al lavoro, come prima cosa dovete sapere che tutte le tecnologie presentate da Jaguar riguardano la realtà aumentata, che viene integrata in modi molto smart attraverso l’intero abitacolo dell’autovettura.

Detto questo incominciamo:

La prima di queste nuove tecnologie, si chiama Virtual Windscreen, e se i teenager potessero guidare penserebbero di essere in Gran Turismo; essa consiste in una proiezione sul parabrezza che mostra il quadro strumenti e gli specchietti retrovisori quando si guida su strada, mentre quando si è in pista il parabrezza virtuale mostra la macchina fantasma del proprio precedente giro, la traiettoria ideale per tutte le curve e le eventuali informazioni sugli altri drivers.

foto 2

Oltre a questo gli ingegneri stanno anche sviluppando una tecnologia che permette al guidatore di controllare i diversi aspetti della vetture come:navigatore, clima etc,  tramite gesture e la tecnologia e-field.

Inoltre stanno lavorando per creare un nuovo sistema di riproduzione degli specchietti retrovisori in 3d, cosi il pilota avrà una migliore percezione della realtà.

Un’altra tecnologia che Jaguar stà sviluppando, si chiama 360 Virtual Urban Windscreen, e consiste nel proiettare delle immagini su una superficie LCD che attraverso dei proiettori e delle telecamere, mostrano al guidatore degli eventuali pericoli. Il sistema funziona in base ai movimenti del guidatore, come esempio mettere la freccia o girare il volante in una certa direzione, le telecamere e i sensori capiscono il cambiamento di movimento e le immagini provenienti dalle telecamere esterne vengono proiettate sui montanti, mostrando eventuali pericoli o un punto cieco in cui il guidatore si può imbattere.

foto 3 (2)

Per quanto riguarda il navigatore, si è pensata ad una vera e propria ghost car che verrà proiettata sul parabrezza, così il guidatore non avrà distrazioni durante la guida; questa unità può fare molto di più che mostrare solo una macchina fantasma, può anche mostrare parcheggi disponibili, i tempi di durata dei semafori e persino i costi del distributore più vicino.

La terza e fin’ora ultima idea che hanno presentato, si chiama Bike Sense, ed è basata su un sistema di sensori posti sui paraurti che forniscono informazioni su eventuali ciclisti, motociclisti, o bipedi di tutte le specie che entrano nel raggio d’azione dei sensori.

foto 4

Per prevenire un eventuale incidente, Jaguar usa molti metodi, il primo di questi è di riprodurre il suono di un campanello e di un clacson attraverso l’impianto audio per avvisare il guidatore, quando viene percepito un eventuale incidente, il sedile incomincia a vibrare partendo dal lato di provenienza dell’oggetto in avvicinamento ed oltre alla vibrazione segnala il lato di provenienza attraverso dei led di colore rosso disposti sulla linea della cintura, la plancia e il montante anteriore.

foto 5

Un’altra cosa che il sistema percepisce sono eventuali soggetti nascosti all’occhio e se si mancano i segnali di avvertimento, il guidatore viene segnalato del problema attraverso la vibrazione del pedale dell’acceleratore, questo sistema può anche informare il guidatore di un eventuale collisione con un mezzo in movimento quando si apre la portiera e in caso dell’apertura di essa, restituisce al guidatore un feedback attraverso la vibrazione della maniglia.

Per ora questi sono solo concept, e anche se sono stati mostrati nella vita reale con delle auto reali che potrebbero usufruire di queste innovazioni anche subito, non sarà disponibile per ancora un pò di tempo, ma un giorno magari faranno parte delle nostra vita quotidiana e ci aiuteranno a creare un’automobile smart.

Fonte 1, 2, 3, 4, 5

 

 

fabio

Ciao, sono Fabio la mia passione è la tecnologia in tutte le sue forme. Godetevi gli articoli e ricordatevi di commentare