Prince: Stop allo streaming dei suoi brani?

[vc_row margin_top=”0″ margin_bottom=”0″ full_width=”” padding_left=”0″ padding_right=”0″ animation=”” type=”” bg_color=”” bg_position=”top” bg_repeat=”no-repeat” bg_cover=”false” bg_attachment=”false” padding_top=”0″ padding_bottom=”0″ enable_parallax=”” parallax_speed=”0.1″ bg_video_src_mp4=”” bg_video_src_ogv=”” bg_video_src_webm=””][vc_column width=”1/1″ animation=””][vc_empty_space height=”32px”][vc_column_text]Sembra proprio che il famoso cantante Prince Rogers Nelson, meglio conosciuto come Prince, abbia chiesto di eliminare dai suoi profili ufficiali dei maggiori servizi statunitensi di streaming musicale, come Spotify, Apple Music e Rdio, tutti i suoi brani. La notizia ufficiosa è stata data dalla popolare rivista Billboard.

Rimangono, per ora, esclusi da questa lista Google Play e Tidal, molto probabilmente solo per una questione di tempo. Alla base di questa decisione ci potrebbe essere la volontà di costringere questi provider di servizi di streaming, a ridiscutere i proventi che dovrebbero essere destinati al talentuoso artista di Minneapolis.

Nessun pericolo di cancellazione sarebbe invece riservato alle cover che sono state realizzate nel tempo, da numerosi altri cantanti/gruppi.

Và ricordato che già in passato, Prince aveva dimostrato di non essere tenero con i giganti della condivisione multimediale, visto che dal suo canale ufficiale di Youtube erano stati rimossi tutti i video, ad eccezione di “Breakfast can wait” e del relativo dietro le quinte.[/vc_column_text][vc_empty_space height=”32px”][/vc_column][/vc_row][vc_row margin_top=”0″ margin_bottom=”0″ full_width=”” padding_left=”0″ padding_right=”0″ animation=”” type=”” bg_color=”” bg_position=”top” bg_repeat=”no-repeat” bg_cover=”false” bg_attachment=”false” padding_top=”0″ padding_bottom=”0″ enable_parallax=”” parallax_speed=”0.1″ bg_video_src_mp4=”” bg_video_src_ogv=”” bg_video_src_webm=””][vc_column width=”1/1″ animation=””][vc_btn title=”Via” style=”3d” shape=”rounded” color=”blue” size=”md” align=”left” i_align=”left” i_type=”fontawesome” i_icon_fontawesome=”fa fa-adjust” i_icon_openiconic=”vc-oi vc-oi-dial” i_icon_typicons=”typcn typcn-adjust-brightness” i_icon_entypo=”entypo-icon entypo-icon-note” i_icon_linecons=”vc_li vc_li-heart” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.pcmag.com%2Farticle2%2F0%2C2817%2C2487222%2C00.asp||target:%20_blank” button_block=”” add_icon=”” i_icon_pixelicons=”vc_pixel_icon vc_pixel_icon-alert”][vc_empty_space height=”32px”][vc_column_text]Immagine di copertina tratta dal sito onstageweb.com[/vc_column_text][vc_empty_space height=”32px”][/vc_column][/vc_row]

Fabrizio Paoletti

44enne affetto dalla….sindrome di Peter Pan, appassionato di tecnologia ed affascinato dalle molteplici opportunità offerte dal web