Hackers mettono in vendita milioni di accounts LinkedIn

Un hacker dal nome in codice Peace sostiene di aver messo in vendita dati relativi ad emails e passwords criptate appartenenti a circa 117 milioni di utenti di LinkedIn, rubate durante un cyber-attacco portato a termine nel 2012.

L’asta sarebbe in corso nel Dark Web per 5 bitcoins (circa 2200$). Stessa rivendicazione sarebbe stata fatta dal gruppo LeakedSource. Proprio uno gli appartenenti a questo gruppo ha dichiarato al sito Motherboard che è stato possibile decriptare il 90% delle passwords rubate, in sole 72 ore e come prova hanno inviato un sample di credenziali in loro possesso allo stesso sito.

Hani Durzy, portavoce di LinkedIn, ha confermato che con tutta probabilità 4 anni fà, l’attacco portato ai server della loro società aveva messo a rischio molto più di 6.5 milioni di passwords, come dichiarato invece all’epoca.

Ora per gli utenti di LinkedIn potrebbe essere opportuno modificare le proprie credenziali, per evitare spiacevoli conseguenze, in particolare per coloro che non sono soliti aggiornare i propri dati di accesso.

Come contromisura ulteriore da parte del popolare Social Network, saranno invalidate le passwords degli accounts violati mentre è iniziata una massiccia campagna di sensibilizzazione all’utilizzo del doppio step di autenticazione. Maggiori informazioni a riguardo sono disponibili presso il Safety Center.

 

Via

 

Fabrizio Paoletti

42enne affetto dalla....sindrome di Peter Pan, appassionato di tecnologia ed affascinato dalle molteplici opportunità offerte dal web