Huawei Mate 8: la recensione!

La prima cosa che mi viene in mente pensando a questo Huawei Mate 8 è: COLOSSO. Questo phablet da 6 pollici realizzato completamente in alluminio è infatti un gigante che non passa certo inosservato ne in tasca ne in mano. Forse un po troppo grande ma sicuramente utilizzandolo non vi sentirete più anonimi.

DESIGN

mate-8_1

Fin dal primo sguardo e dal primo utilizzo è facile intuire che il produttore ha voluto realizzare un devide di alto livello. I materiali nobili, finemente lavorati garantiscono una grande piacevolezza di utilizzo. Ogni minimo dettaglio è stato perfettamente realizzato senza lasciare spazio a sbavature e problematiche. Il posteriore pur essendo completamente in metallo riesce a garantire una buona presa, non proprio facilitata dalle generoso dimensioni che contraddistinguono il prodotto. I due inserti in materiale plastico posti alle estremità della back cover fungono da perfetto mezzo di trasmissione per tutte le antenne racchiuse nel device. L’anteriore rappresenta invece lo stato dell’arte dellottimizzazione delle cornici, infatti i due lati lunghi presentano cornici estremamente ottimizzate anche se rimane presente la bordatura nera del display. Sul lato destro trovano posto i tasti che grazie alla sapiente lavorazione sono di facile individuazione e utilizzo. Sul lato opposto troviamo invece il doppio carrellino per le SIM che funge anche da espansione della memoria, scegliendo questa seconda alternativa si perde però il supporto al Dual-SIM.

HARDWARE

Sotto la scocca di questo colosso troviamo un potente processore HiSilicon Kirin 950, Octa-Core (4×2.3Ghz + 4×1.8Ghz) a 64bit con tecnologia FinFET a 16 nanometri e costruti internamente alle fabbriche di Huawei. La memoria RAM disponibile è da 3GB mentre onboard troviamo 32GB espandibili sino ad ulteriori 128GB con MicroSD. Tutte le più moderne tecnologie radio sono qui presenti pertanto non mancano l’LTE 4G che si dimostra sempre perfetto e performante, il Bluetoth 4.2 oltre al Wi-Fi dual band.
All’anteriore trova posto un gigantesco pannello da 6 pollici di tipo FullHD che nonostante la diagonale generosa riesce a garantire un’ottima resa e dei colori davvero molto buoni. Perfetto inoltre il lavoro svolto dai sensori che si dimostrano sempre puntuali.
Immancabile il sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali che è davvero molto rapido anche se a volte fatica a riconoscere l’impronta.

SOFTWARE

Come da abitudine Huawei e in generale di tutti i produttori Cinesi l’interfaccia è ricca di colori e pesantemente personalizzata. La versione EMUI 4.1 che equipaggia il device rende quasi irriconoscibile Android in versione 6.0 Marshmallow. Nonostante la pesante personalizzazione tutto si muove in modo fluido e senza particolare problemi, praticamente nulli son gli impuntamenti e la piacevolezza di utilizzo è davvero ai massimi livelli. Interessanti le funzioni di personalizzazione che prevedono temi scaricabili dallo store e non solo, calibrazione della temperatura del bianco, filtro luce blu e variazione dello stile di barra dei tasti e toggle rapidi.
Ad un primo avvio troveremo un bel po di applicazioni preinstallate ma fortunatamente saranno quasi tutte eliminabili senza troppa fatica. Tra le app interessanti troviamo invece il file manager, il gestore delle prestazioni e l’ottimizzatore dei consumi.
Ben realizzata è la parte di gestione del dual-SIM e ricco il comparto sicurezza che prevede anche la personalizzazione dell’impronta per lo sblocco del phablet.

FOTOCAMERA

mate-8_3Al posteriore troviamo un sensore fotografico da 16Mpx con autofocus e doppio flash led che purtrppo sborda leggermente dalla scocca. Sul frontale abbiamo invece un sensore da 8Mpx per dei selfies di ottima resa. Il sensore principale è in formato nativo 4:3, non manca il supporto all’HDR e come ci ha abituati Huawei è ben presente il filtro bellezza che rimuove ogni minima imperfezione del volto dei soggetti.
Scorrende tra le varie modalità troviamo numerosi effetti grafici per rendere uniche le immagini e anche alcuni tool che permettono particolari e affascinanti giochi di luce.
Per chi è un pochino più smaliziato con la fotografia, ecco ben presente la modalità professionale che consente di agire in modo diretto sulle impostazioni delle fotografie per rendere perfette in ogni circostanza.

mate-8_8Buoni gli scatti di giorno, un pochino meno quelli realizzati di notte ma tutto sommato è impossibile lamentarsi di questa fotocamera.

A QUESTO indirizzo le immagini in risoluzione nativa.

Per quanto riguarda i video abbiamo la possibilità di registrarli in formato FullHD e il tutto viene eseguto in modo più che perfetto anche se, ancora una volta, il sensore rende molto meglio in condizioni di buona luminosità.

Tra le varie modalità fotografiche che contraddistinguono questo device non manca certo il Time-Lapse di cui potete trovare un breve esempio riportato qui di seguito.

CONCLUSIONI

Dopo alcune settimane di utilizzo Huawei Mate 8 conferma le impressioni avute a un primo impatto. Design premium che a lungo andare non stanca ma al contrario garantisce piacevolezza di utilizzo e solidità al prodotto. Le dimensioni generose non sono certo adatte a tutti gli utenti e i 6 pollici uniti al peso di 185g si fanno sentire. Le accortezze software messe in campo da Huawei sono votate a facilitare l’utilizzo del prodotto anche con una sola mano, ecco quindi che troviamo la possibilità di scalare l’intera grafca oppure ridurne le dimensioni a una sola porzione dello schermo; abbiamo svariate gestures che si applicano sia a schermo che sul sensore di impronte digitali, tuttavia quelle a schermo non sempre funzionano in modo immediato.
In generale l’hardware non delude mai e tutto è sempre scattante e reattivo. La batteria da 4000mAh si conferma essere più che adeguata per un prodotto top. Sarà davvero difficile rimanere a secco di energia se non sopo numerose ore di utilizzo. Design, prestazioni ed energia per un phablet che non delude!

VOTO 8.5

razzox

Ragazzo di 28anni appassionato di tecnologia e di telefonia in particolare. Si è avvicinato al mondo del blogging con un precedente progetto ed ora porta le sue conoscenze e la sua passione a tutti gli utenti.
Attualmente è co-fondatore e co-amministratore di TechDifferent.it.
Test, prove e guide sono il suo pane quotidiano!