World Food: la app che introduce i bambini alle “culture del cibo”

World Food è una applicazione, disponibile per iOS ed Android, realizzata dal team di Art Stories  in collaborazione con il MUBA – il museo dei bambini di Milano e che si pone un obiettivo non facile, per chi si rivolge ad un target di utenti molto giovane (6-8 anni): divertire ed avvicinare alla cultura (del cibo in questo caso).  La app è stata ideata in occasione di una mostra sulle tavole del mondo, ospitata proprio al MUBA, durante EXPO 2016.

Il costo è 2.99 euro sullo store Apple ed 1.99 euro su quello di Google, ma è doveroso premettere che non ci sono pubblicità od acquisti in-app all’interno della applicazione.

La struttura di base di questo edu-gioco è semplice e non ci sono opzioni da selezionare, se non la lingua, italiano od inglese, che modificherà di conseguenza il parlato ed il testo scritto, a seconda della scelta fatta. La pagina principale presenta, in alto a sinistra, il pulsante “per i grandi” da dove è possibile ottenere qualche breve informazione su World Food (la versione precedente era conosciuta come MUBapp Food) ed il team di Art Stories, scaricare un pdf che include 8 gustose ricette, od iscriversi alla newsletter.

Centralmente troviamo le 3 icone che corrispondono alle modalità presenti (all’interno di ognuna di queste una voce scandirà, nella lingua prescelta, il nome dell’alimento che è stato selezionato):

  • la tavola del compleanno (sinistra) – dove è possibile aggiungere liberamente cibi ed oggetti dalla barra sottostante alla tavola. Sulla destra ci sono il pulsante dello scatto fotografico (le immagini sono salvate nel rullino del nostro dispositivo), il cestino per eliminare gli oggetti depositati sulla tavola ed il simbolo di un pacco regalo, che appare appena depositati sei cibi/oggetti e che dà vita a 3 simpatiche  (ma molto semplici) animazioni interattive.
  • La sezione libera (destra) – dove apparecchiare a proprio piacimento la tavola con una maggior scelta tra bevande, cibi, posate, stoviglie ecc…

  • Il cuore della app – rappresentato dal gioco centrale, attraverso il quale selezionare 8 Nazioni e cercare di apparecchiare indovinando quali sono i piatti tipici del posto. Inoltre, sulla destra, c’è l’icona del cappello di un cuoco che consente di accedere ad 8 ricette, ben dettagliate e semplici da seguire (sono le ricette scaricabili in pdf, sopracitate)

In ogni modalità, il numero massimo di alimenti/oggetti posizionabili è pari a 6 (con alcune eccezioni come nel caso delle torte dove il massimo è 4, ad esempio).

L’audio composto da musiche, suoni e voci, è di qualità e crea una atmosfera allegra e simpatica. Le illustrazioni di Roberta Ragona (www.tostoini.it) sono azzeccate e molto ben realizzate. Si capisce fin dalle prime battute che la cura riversata nella app è il suo vero punto di forza. Un vero peccato che, come ci è stato anticipato, non sia prevista alcuna aggiunta alle Nazioni attualmente disponibili, almeno per il momento. Al di là del motivo di questa scelta (la app è legata alla esposizione presso il MUBA), sarebbe stato bello rendere disponibili più ricette ed un maggior numero di piatti tipici. Personalmente, avrei gradito anche dei sottotitoli (magari opzionali) che mostrassero come sono scritti gli elementi che vengono nominati nelle varie sezioni, ma la scelta fatta da Art Stories è stata quella di non interferire negativamente con il flusso del gioco.

Và aggiunto che la versione per iOS ha in più, rispetto a quella Android, un set di stickers esclusivo per iMessage. Un pacchetto di immagini a tema cibo per comunicare con famiglia e amici, in maniera divertente ed espressiva.

In definitiva un prodotto consigliato in quanto ben fatto e soprattutto sicuro e privo di sorprese per i nostri bambini, ma comunque limitato per sua stessa natura.

Ricordiamo che il team di Art Stories ha realizzato altre applicazioni educative destinate ai più giovani, ed ogni ulteriore informazione è disponibile presso il loro sito.

Fabrizio Paoletti

42enne affetto dalla....sindrome di Peter Pan, appassionato di tecnologia ed affascinato dalle molteplici opportunità offerte dal web