For Honor,siete pronti a combattere? -Recensione-

Finalmente siamo pronti per offrirvi la nostra recensione di For Honor, l’ultimo titolo immesso sul mercato videoludico da Ubisoft; titolo che ci ha conquistati sin dalle prime fasi di gioco nella modalità Storia e poi nel multiplayer. Il gioco lo abbiamo testato su XBox One.

For Honor ha una campagna singola che può anche essere affrontata in co-op con un amico e dunque offre sin dall’inizio un notevole divertimento; la campagna si conclude in circa 6/7 ore con difficoltà normale, a difficoltà massima (realistica) ci terrà incollati per più tempo in quanto non ci sarà nessuna possibilità di salvataggio se non al termine di ogni missione. Durante la modalità Storia avremo modo di conoscere al meglio le meccaniche di gioco e come affrontare i nemici che poi andremo a trovare nel multiplayer; il tutto con una cornice grafica di alto livello, doppiaggio completamente in italiano ed una storia che coinvolge il giocatore e che, in alcuni tratti, lo fa anche sentire quasi un “Dio”. In questa modalità visualizzerete anche dei brevi ma utili tutorial per imparare a brandire al meglio la vostra spada, ascia o katana nonchè a parare i colpi degli avversari e scoprire degli elementi nascosti (non più di tanto) che consistono in narrazione aggiuntiva in-game ed anche potenziamenti che potrete sfruttare a vostro vantaggio.

I giocatori potranno scegliere da che parte schierarsi, ovvero: Cavalieri, Vichinghi o Samurai i quali ci offrono dodici eroi di cui soltanto i primi sono sbloccati, per sbloccare gli altri si dovranno guadagnare unità acciaio sufficienti; le unità acciao saranno la moneta principale del gioco che vi permetterà di sbloccare anche potenziamenti, ornamenti e molto altro. Purtroppo, il gioco offre la possibilità di acquistare le unità acciaio oppure di sbloccare in un’unica volta tutti i potenziamenti e ciò, oltre che far spendere centinaia di euro ai giocatori, non darà la possibilità di godere appieno del lavoro svolto dall’azienda su questo titolo; il nostro consiglio, dunque, è quello di progredire nella modalità Storia ed affrontarla a tutte le difficoltà per guadagnare si punti esperienza per salire di livello, che acciaio sufficiente per sbloccare ciò che desideriamo.

Interessante è anche il fatto che Ubisoft abbia immesso, nel menù principale, la possibilità di vedere i video dimostrativi su come eseguire mosse e comportarsi sul campo da battaglia; ovviamente non manca la possibilità di acquistare il Season Pass che permetterà di accedere a tutti i DLC futuri nonchè ad altri contenuti aggiuntivi che l’azienda rilascerà man mano.

Passiamo ora al piatto forte di For Honor, ovvero il mutiplayer il quale offre diverse modalità che non vi faranno mai annoiare; avrete dunque la possibilità di combattere contro giocatori reali da tutto il mondo, oppure contro l’IA per addestrarvi ancora un po’. C’è poi la modalità dominio che permette di combattere 4 vs 4 che darà la vittoria a chi conquisterà tutti i punti focali della mappa; abbiamo poi il duello 1 vs 1 e la modalità Deathmatch (quest’ultima supporta anch’essa la possibilità di sfidarsi 4 vs 4). Unica nota dolente del multiplayer è il fatto che i server faticano ad offrire duelli bilanciati, mi spiego meglio: spesso capita di combattere contro avversari di livello molto più superiore al vostro e che, in molti casi, hanno già acquistato tutti i potenziamenti e ciò è frustrante per coloro i quali non vogliono spendere soldi veri e godersi appieno il titolo.

Altra pecca è il fatto che i server sono peer to peer, ciò significa che viene selezionato un utente che fa da server principale e deve sostenere (con la sua connessione) tutti gli altri giocatori; ciò potrebbe dunque causare disconnessioni improvvise dalla partita dovute o all’abbandono dell’ospitante (Host) oppure dalla scarsità del segnale internet sempre dell’ospitante. Ubisoft, da questo punto di vista, ha badato a risparmiare ma, non dedicando a questo gioco server specific ed accollando tutto ai giocatori potrebbe offrire un irreale esperienza multiplayer che, a mio avviso, è il cardine di questo gioco.

In conclusione For Honor è un titolo davvero ambizioso per Ubisoft che offre al giocatore un’esperienza nuova nel genere e lo immerge nel pieno delle battaglie medievali con una grafica ottima, effetti, dialoghi e storia ben fatti nonchè un comparto multiplayer in grado di offrire parecchie ore di divertimento; il gioco lo trovate disponibile ad un prezzo di circa 60€ (clic qui) per la versione classica. Infine vi ricordo che il gioco necessita sempre di una connessione internet anche per la modalità Storia.

Un ringraziamento particolare ad Ubisoft che cortesemente ci ha inviato anche questo titolo.

Davide

Ho 37 anni, sono appassionato di tecnologia ed in particolar modo di Apple; ma non mi limito a quello, infatti vedrete tante mie recensioni di altri dispositivi e marche.