Huawei P8 Lite 2017: il ritorno del mito | RECENSIONE

Il Huawei P8 Lite è tornato ancora più forte, potente e performante di prima! A distanza di un paio d’anni dal lancio dell’originale e vincente Huawei P8 Lite, ecco che l’azienda Cinese ripropone il fortunato modello ora in versione 2017.
Il nome rimane il medesimo ed è proprio qui che sta la sapiente mossa di marketing messa in piedi dall’azienda. Riutilizzare un brand consolidato per continuare a sfondare il mercato proprio nella fascia che fa più vendite. La fascia dei prodotti dall’incredibile rapporto qualità prezzo.
P8 Lite 2017 sembra quindi avere la strada spianata verso il successo ma vediamolo più nel dettaglio…

DESIGN

L’estetica di questo prodotto la si può definire “classica”. Scordiamoci quindi design avveniristici e sterminate superfici tattili; diamo piuttosto il benvenuto a un prodotto solido, dotato di linee pulite e bello da tenere i mano. La versione che ho potuto provare è caratterizzata da una colorazione bianca candida, attorniata da una cornice argentata in simil metallo. Proprio la particolare lavorazione spazzolata della cornice ci permette di mascherare eventuali graffi che altrimenti sarebbe stato facile creare nell’utilizzo quotidiano.

All’anteriore troviamo un bel display FullHD da 5.2 pollici attoniato, superiormente e inferiormente da due generose cornici. Sulla parte alta sono celati i vari sensori di prossimitià e luminosità ch funzionano molto bene, un piccolo LED RGB per le notifiche e una sufficiente cam da ben 8Mpx.
Sulla cornice laterale troviamo i classici tasti fisici er la regolazione del volume e per l’accensione del device. Non mancano il jack da 3.5mm per le cuffie e il connettore MicroUSB per connessionne al pc e ricarica. Proprio la scelta di utilizzare ancora questo connettore ci lascia in parte perplessi; trovare il più nuovo type-C ci avrebbe fatto piacere.

Infine, sempre sulla cornice, troviamo il carrellino per alloggiare una sola SIM card (per il mercato italiano) e per espandere la memoria con MicroSD fino a 128GB.
Passando sul retro del device troviamo una bella copertura in vetro che riveste interamente la back cover. Solo il sensore di impronte digitali rimane scoperto da questo rivestimento. È quondi ovvio che la fotocamera da 12Mpx risulti perfettamente a filo con la cover.

HARDWARE

Il P8 Lite 2017 è mosso da un interessante processore HiSilicon Kirin 655 a 64 bit. La configurazione di questo processore è a 8 core suddivisi in 4x 2.1 GHz Cortex-A53 in aggiunta ai più parsimoniosi 4x 1.7 GHz Cortex-A53. Inutile dire che la potenza non manca di certo a questo device. A gestire la parte grafica troviamo una Mali T830 MP2 che regge bene i carichi di gioco.

Quello che al momento della mia prova mi ha fatto un po storcere il naso è la memoria RAM. Questo smartphone è equipaggiato con 3GB di memoria volatile ma più di una volta mi è capitato di mandarla in saturazione e di ottenere dei blocchi e vistosi rallentamenti. Oviamente questa cosa si risolveva facilmente con una pulizia della RAM ma è ssicuramente fastidiosa da subire. Verosimilmente un update software potrebbe migliorare la situazione.

La memoria interna è invece da 16GB, un po pochini nel 2017 ma fortunatamente possiamo inserire le nostre MicroSD e rendere memoria predefinita. Come se tutto questo non bastasse, va ricordato che è pienamente utilizzabile l’USB OTG che permette di leggere in modo nativo le nostre chiavette USB.

Lato connettività non ho mai rilevato grossi problemi; manca la banda 5Ghz per il Wi-Fi ma si riesce a vivere tranquillamente senza. Stabile il Bluetooth 4.1 cosi come anche il GPS. Pinamente disponibile la connettività 4G LTE e decisamente buona la ricezione.

Lato batteria troviamo una 3000mAh non removibile che talvolta si può rivelare insufficiente ma che con un utilizzo normale vi porta tranquillamente a fine giornata. Da ricordare che Huawei prevede numerosi accorgimenti software che vi permettono di andare ad estendere l’autonomia del prodotto.

SOFTWARE

Come da abitudine di Huawei, anche questo P8 Lite 2017 viene fornito con una grande quantità di software preinstallati. Fortunatamente molti di questi sono liberamente eliminabili. Il sistema operativo con il quale ho potuto eseguire la prova è Android Nougat 7.0 personalizzato con interfaccia EMUI 5.0. Con questa nuova declinazione dell’interfaccia, Huawei ha deciso di portare un maggiore ordine e una maggiore pulizia all’interno del suo prodotto. Tutto è esattamente dove lo si andrebbe a cercare.

Huawei ci ha abituati a dotare i suoi prodotti di moltissime funzioni di personalizzazione. Troviamo ad esempio la possibilità di invertire i tasti virtuali a schermo, possiamo attivare il drawer delle applicazioni oppure stravolgere l’interfaccia con i temi supportati nativamente.
Possiamo calibrare la temperatura dello schermo o ridurre completamente l’interfaccia per agevolare l’utilizzo con una sola mano.
È disponibile la funzione di spleet-screen per eseguire due applicazioni nello stesso momento e non manca anche il pieno supporto alle gestures sul sensore biometrico.

Tra le applicazioni preinstallate troviamo l’app Benessere, HiCare e la radio FM ma quella che trovo certamente più utile è “Gestione Telefono”. Attraverso questo raccoglitore di funzioni abbiamo la possibilità di mantenere pulito ed efficiente il nostro P8 Lite 2017, possiamo gestire le blacklist e anche salvaguardare la nostra sicurezza avendo la scansione antivirus integrata e realizzata in collaborazione con Avast.

FOTOCAMERA

Nonostante il 2016 e questo inizio di 2017 siano stati all’insegna delle doppie fotocamere, Huawei ha scelto di equipaggiare questo medio gamma con un singolo sensore da 12Mpx e apertura focale f.2. Ben presente anche il flash LED che risulta ben funzionante nonostante le dimensioni contenute.

Le modalità di scatto sono davvero molte e i settaggi a disposizione dell’utente sono quasi sterminati. Possiamo tranquillamente affermare che ci sia la giusta modalità per ogni utente. Non mancano il supporto all’HDR e anche al riconoscimento facciale.

La cam si rivela essere in grado di realizzare buoni scatti in condizioni di una buona dose di luminosità ambientale; più rumorosi e di minore ricchezza di dettaglio sono invece le foto realizzate in condizioni di scarsa luminosità.

Il cambio di messa a fuoco e la selezione del punto di fuoco è molto rapida ed è facile trovare il giusto fuoco anche in soggetti molto vicini.

Come è ovvio che sia, le immagini riportate nella galleria sono state compresse ma potete vedere questi e altri scatti originali scaricandoli da QUESTO link.

All’anteriore abbiamo un sensore da 8Mpx inserito appositamente per gli amanti dei selfies. Buona la quantità di luce incamerata in fase di scatto e interessante l’apertura minimamente grandangolare che ci permette di far entrare molte persone nei nostri autoscatti. Non particolarmente degni di nota gli scatti in condizioni di poca luminosità anche se è disponibile la modalità Flash virtuale.

Passando al comparto video posso dire che viene abbastanza mantenuto lo stesso livello di qualità che si ha con lo scatto fotografico. Il sensore è di buona qualità ma manca lo stabilizzatore ottico e quello software non fa certo miracoli. Si vede costantemente un certo tremolio video ma se rapportiamo il tutto alla fascia di prezzo possiamo tollerare questo “””problema”””.

In condizione di buona luminosità i video sono di buona qualità e fedeli nella cattura dei colori; di notte abbiamo un notevole aumento del rumore video e la qualità degrada rapidamente.

CONCLUSIONI

Il ritorno di P8 Lite potrebbe sembrare una semplice mossa di marketing messa in piedi dall’azienda ma in realtà nasconde tanta sostanza.
Lo smartphone si rivela essere molto curato a livello di design, forse non farà urlare al miracolo ma lo stile classico è bello e riuscito.
Le prestazion ci sono tutte e sebbene sia incappato in sporadici rallentamenti e saturazioni della RAM, sono convinto che qualche affinamento software possa risolvere ogni problema attualemnte rilevato.

La fotocamera è nella media ma sarà sicuramente in grado di dare grandi soddisfazioni a tutti quegli utenti il cui target è un prodotto al di sotto dei 250€. Proprio il rapporto qualità – prezzo – prestazioni mi permettono di dire: È TORNATO IL MITO!

Huawei P8 Lite 2017 è attualmente il miglior device della sua categoria.

razzox

Ragazzo di 28anni appassionato di tecnologia e di telefonia in particolare. Si è avvicinato al mondo del blogging con un precedente progetto ed ora porta le sue conoscenze e la sua passione a tutti gli utenti. Attualmente è co-fondatore e co-amministratore di TechDifferent.it. Test, prove e guide sono il suo pane quotidiano!