L’app-incubo degli studenti è arrivata!

Quante volte gli studenti durante le lezioni usano il loro smartphone per messaggiare oppure giocare ? E poi, quante volte cercano informazioni in internet nel bel mezzo di una verifica ?

Ora tutto questo non è più possibile, almeno in Sud Corea; infatti, nella provincia di Gangwon, è stata brevettata e utilizzata iSmartkeeper.

Questa nuova applicazione permette ai professori di controllare il telefono dei propri alunni durante la giornata scolastica, facendolo spegnere e, inoltre, bloccando tutte le applicazioni, a eccezione delle chiamate d’emergenza o vocali.

Questo è successo perché, secondo l’agenzia della Società Nazionale di informazione, gli adolescenti coreani userebbero i loro cellulari per più di 7 ore al giorno, andando incontro a sindromi di ansia, depressione e insonnia quando ne vengono privati.

iSmartkeeper funziona con la tecnologia Geofencing e permette di disattivare gli smartphone all’ingresso a scuola e di sbloccarli all’uscita. Purtroppo è successo che questa app abbia fallito in qualche caso e che dunque alcuni studenti siano rimasti con il telefono bloccato per tutto il giorno disperandosi.

Gli adolescenti coreani, però, non si sono persi d’animo e hanno già trovato una soluzione per aggirare questo sistema che momentaneamente funziona solo con i device Android.

Infine qualche professore avrebbe criticato la scelta di adottare questa app perché, secondo loro, verrebbero violati i diritti dello studente.

Voi cosa ne pensate ? La introdurreste nelle scuole italiane ?

Via

Cristian

Sono appassionato di tecnologia, programmazione web e Android.