La sindrome del “mi piace”

Torniamo a parlare di dipendenza da social network e di disturbi legati all’uso eccessivo di Facebook, Twitter e gli altri. Ancora una volta, pare che questi social stiano modificando (e non certo in meglio) la nostra vita, fino a dare origine a veri e propri disturbi specifici.

Uno studio condotto dall’Università del North Carolina, ha messo a fuoco i processi che si attivano nel nostro organismo ogni volta che il nostro smartphone (o tablet o pc) ci segnala una nuova notifica, un nuovo “like”. Questo fatto genera produzione di dopamina, responsabile delle dipendenze. Ed è proprio di questo che si tratta: una sindrome di dipendenza dal “mi piace”. Come se si trattasse di una droga. Un “like” dà un senso di appagamento all’utente che lo riceve, lo fa sentire importante e apprezzato.

Molte persone hanno ammesso di vagare per ore in rete aspettando di ricevere notifiche. Impressionante come la nostra vita si stia plasmando sui meccanismi dei social network. E disintossicarsi non sembra affatto facile.

Fonte

 

Claudia

Studentessa in Lettere Moderne con la passione per la scrittura.