Berkeley-MIT insieme per uno schermo che riduce i disturbi visivi

Nel mondo gli individui che soffrono di disturbi visivi sono in costante aumento.
Molti di questi disturbi non sono nemmeno diagnosticati ad ora oppure non sono curati nel giusto modo. Nella maggior parte dei casi coloro che hanno questi problemi sono costretti ad indossare occhiali, durante l’intera giornata oppure mentre svolgono alcune attività specifiche come la lettura, guardare la tv, il cellulare o altro ancora. Gli occhiali per quanto comodi possano essere rappresentano ad ogni modo un ostacolo, un impedimento e non essere costretti ad indossarli per molti rappresenta un vero e proprio sollievo.
L’Università californiana di Berkeley, in stretta collaborazione con il MIT (Massachusetts Institute of Technology) e Microsoft, ha ideato una nuova tecnologia che potrebbe portare l’utente con handicap visivo a non aver più bisogno di utilizzare gli occhiali. Tale tecnologia applicabile ad ogni tipo di display (smartphone, PC, Monitor o Tablet) sarebbe in grado di adattarsi all’utilizzatore compensandone i problemi di vista. Tale tecnologia agisce sulla messa a fuoco dell’immagine, che varia a seconda del disturbo sofferto dall’osservatore.
L’ideatore e sviluppatore è Brian A. Barsky, ricercatore presso l’università di Berkeley, che ha studiato un algoritmo in grado di variare l’emissione luminosa dei pixel. Infatti è in base alla luminosità di ogni singolo pixel che varia la messa a fuoco dell’immagine sul display. Sulla base delle esigenze visive dell’utilizzatore, in base alla prescrizione medica, la tecnologia sarà in grado di modificare i pixel per adattarsi al meglio all’utente stesso.

 

Berkeley_3

La luce verrà infine filtrata attraverso un pannello capace di orientare i raggi luminosi verso l’occhio interessato, con l’obbiettivo di rendere utilizzabile tale tecnologia a più persone contemporaneamente, per rendere quindi l’immagine visibile correttamente a più utenti con disturbi differenti. Riuscire a portare questo nuovo apparato nelle nostre case vorrebbe dire rivoluzionare il comparto tecnologico e non solo.
Il progetto verrà presentato al SIGGRAPH di Vancouver dal 10 al 14 Agosto; attendiamo quindi di visionare il progetto più nello specifico per acquisire ulteriori dettagli.

Via

PgSar

Sono un ragazzo attratto da tutto ciò che è tecnologico, dai dispositivi per il fitness, quelli per il business a quelli per l'home-entertainment.