Apple non utilizzerà elementi chimici pericolosi per la produzione di iPhone ed iPad

Cinque mesi fa il governo Cinese e quello Americano, hanno comunicato ad Apple di controllare i prodotti chimici utilizzati per la produzione di iPhone ed iPad in quanto potrebbero essere potenzialmente dannosi per l’uomo; nella fattispecie il benzene ed il n-esano. Ora, in una lettera pubblicata sul sito Apple di Lisa Jackson, viene spiegato che verranno rimossi tali composti per la produzione di iPhone ed iPad, e che Apple continuerà ad eliminare potenziali composti dannosi e/o non utilizzarli; inoltre, l’azienda, ha anche inviato un regolamento di produzione da rispettare per i propri fornitori che escludano queste sostanze.

Questa di seguito è la lettera tradotta (con Google Translate):

“Focus su Tossine: Prodotti sicuri e ambienti di lavoro sani

Eliminare i rischi derivanti da sostanze tossiche nei prodotti che noi tutti usiamo è sempre stata una mia passione, e oggi è una delle nostre tre priorità ambientali qui a Apple. Continuiamo a guidare il settore in questo campo, come ci siamo impegnati a mantenere le persone e l’ambiente sano. Ecco perché abbiamo rimosso molte sostanze nocive da parte dei nostri progetti di prodotti e facciamo di tutto per assicurarsi che rimangano tali.

La nostra ricerca ha portato alla creazione di materiali più ecologici e più prodotti terra-friendly, come cavi di alimentazione realizzati senza PVC, display senza mercurio, e le recinzioni che non contengono ritardanti di fiamma bromurati (BFR).

Richiediamo ai nostri fornitori di seguire il nostro sostanze regolamentate Specifiche e teniamo la nostra catena di fornitura responsabile con test rigorosi, dai nostri propri esperti e laboratori indipendenti. E oggi, per la prima volta, stiamo liberando il nostro sostanze regolamentate Specifica al pubblico.

Recentemente, abbiamo ricevuto alcune domande circa se il benzene prodotti chimici e n-esano sono utilizzati nella fabbricazione dei nostri prodotti. Mela considera molto seriamente tutte le accuse di condizioni di lavoro insicure. Abbiamo preso azione investigativa immediata, l’invio di squadre specializzate in ciascuno dei nostri 22 impianti di assemblaggio finale, e abbiamo trovato alcuna prova della salute dei lavoratori viene messo a rischio. Abbiamo aggiornato le nostre rigide restrizioni benzene e di n-esano a vietare esplicitamente il loro utilizzo nei processi di assemblaggio finale. Potete saperne di più sul nostro impegno per una manipolazione sicura delle sostanze chimiche e sostanze tossiche qui.

La nostra storia dimostra che l’industria elettronica può fare uso della chimica verde. E ‘tempo ora di fare ancora meglio, e siamo ansiosi di affrontare questa sfida.

Ci Investiamo nella ricerca sui nuovi materiali e tecnologie. Ci assemblare un nuovo consiglio consultivo composto da dirigenti di sostanze chimiche più sicure e prevenzione dell’inquinamento per avanzare i nostri sforzi per ridurre al minimo o eliminare le tossine dai nostri prodotti e della supply chain. E noi ascoltiamo – convocazione tavole rotonde con le parti interessate per cercare la migliore scienza, dati e soluzioni.

Siamo impegnati a eliminare le tossine dai nostri prodotti e processi. Perché ognuno ha il diritto di un prodotto sicuro e un ambiente di lavoro sicuro.”

Davide

Ho 39 anni, sono appassionato di tecnologia ed in particolar modo di Apple; ma non mi limito a quello, infatti vedrete tante mie recensioni di altri dispositivi e marche.