Un nuovo sistema di mail phishing mette a rischio le mail di iCloud

[vc_row margin_top=”0″ margin_bottom=”0″ full_width=”” padding_left=”0″ padding_right=”0″ animation=”” type=”” bg_color=”” bg_position=”top” bg_repeat=”no-repeat” bg_cover=”false” bg_attachment=”false” padding_top=”0″ padding_bottom=”0″ enable_parallax=”” parallax_speed=”0.1″ bg_video_src_mp4=”” bg_video_src_ogv=”” bg_video_src_webm=””][vc_column width=”1/1″ animation=””][vc_column_text]

Un nuovo sistema di mail phishing mette a rischio le mail di iCloud

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”32px”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

I sistemi che permettono la collaborazione online adottano ormai sistemi di sicurezza molto forti che impediscono di far cadere in mani sbagliate i dati degli utenti che utilizzano questo servizio.

Tuttavia ci sono alcuni aspetti, che non dipendono direttamente dalla sicurezza di un sistema informatico, che ancora possono causare il furto dei propri dati personali.

Usare una password molto semplice come 123456789 oppure cadere nel tranello delle mail di phishing al giorno d’oggi sono gli aspetti che più compromettono i dati personali di un utente.

In particolare il ricercatore Jan Soucek di Ernst and Young è riuscito a costruire un sistema mail basato sul phishing che addirittura riesce a simulare il popup di iOS che ci chiede di inserire la password del nostro account.

password_iCloud-530x200

Come non cadere in inganno?

  • Se si utilizza il Touch ID pensateci due volte prima di inserire la password del vostro account.
  • Solitamente nell’app Mail non appare alcun popup per l’inserimento della propria password
  • La grafica del popup è leggermente diversa da quella di iOS
  • Quando iOS “evoca” il popup per l’inserimento della password compila già il campo della mail. In questo caso, siccome questo non è possibile, si dovrà inserire anche la mail.

Sono tutti piccoli accorgimenti che permettono di non incappare in questo genere di truffe. Colui che l’ha realizzato è un semplice ricercatore, quindi senza l’obiettivo di rubare dati personali ma per dimostrare come sia semplice per un malintenzionato aggirare gli ottimi servizi di sicurezza di iCloud.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row margin_top=”0″ margin_bottom=”0″ full_width=”” padding_left=”0″ padding_right=”0″ animation=”” type=”” bg_color=”” bg_position=”top” bg_repeat=”no-repeat” bg_cover=”false” bg_attachment=”false” padding_top=”0″ padding_bottom=”0″ enable_parallax=”” parallax_speed=”0.1″ bg_video_src_mp4=”” bg_video_src_ogv=”” bg_video_src_webm=””][vc_column width=”1/1″ animation=””][vc_video link=”https://youtu.be/9wiMG-oqKf0″][/vc_column][/vc_row]