Philips ci conduce nel futuro della medicina

Chi ha la possibilità di seguire i social networks Philips, conosce quanto la compagnia olandese sia impegnata nello sviluppo di soluzioni innovative nel campo della medicina ed in particolare nella diagnostica.

Uno punti di sicuro miglioramento che l’attuale medicina deve affrontare, è la riduzione dell’impatto che le tecniche/tecnologie di rilevazione dei parametri vitali hanno nei confronti dei pazienti. E’ innegabile che una minor invasività del monitoraggio, presenta notevoli benefici per tutti (in primis per il degente, pensiamo ad esempio ai bambini).

In questo senso Philips (ed in particolare la Divisione Healthcare) ha dimostrato grande attenzione, presentando alcuni giorni fa a New York, un progetto in via di sviluppo che potrebbe segnare una piccola svolta. Parliamo di una camera che in combinazione con un software proprietario è in grado di rilevare, a distanza, battito cardiaco e frequenza respiratoria. Questo avviene grazie al cambiamento di colorazione della superficie della pelle (non rilevabile all’occhio umano) ed ai movimenti (talvolta impercettibili) che il nostro corpo effettua durante le fasi di inspirazione-espirazione. Sul canale Philips Healthcare di YouTube è stato pubblicato un breve video che ben fa capire la potenzialità di questa tecnologia:

 

Una soluzione del genere sarebbe utilizzata in ambito ospedaliero ma, perchè no, anche in ambito casalingo avendo a disposizione gli opportuni hardware/software.

Anche se ancora in via di sviluppo, non siamo solo alle fasi preliminari. Philips ha già effettuato studi di laboratorio e punta ad iniziare gli studi clinici nei prossimi mesi.

Speriamo quindi di poter assistere all’implementazione di questa tecnologia il prima possibile.

 

Via

Fabrizio Paoletti

44enne affetto dalla....sindrome di Peter Pan, appassionato di tecnologia ed affascinato dalle molteplici opportunità offerte dal web