Scoperto il gemello della Terra in Proxima Centauri

Esiste un pianeta gemello della nostra amata Terra? Sì, e si trova proprio “accanto” a noi, ovvero nel sistema di Proxima Centauri, una stella nana rossa che dista da noi 4,2 anni luce, ovvero 270.000 volte la distanza tra noi ed il Sole.

Questa è la scoperta che ha fatto un gruppo di scienziati in seguito alle moltissime osservazioni effettuate grazie alla tecnologia dei vari osservatori con potenti telescopi; questa notizia verrà resa ufficiale a breve e sarà destinata a fare la storia poichè aprirà nuove frontiere sia in campo scientifico, astronomico ma anche tecnologico in quanto (ammettiamolo) quanti di voi non vedono l’ora di vedere l’uomo sbarcare su un’altro pianeta abitabile e del tutto simile alla nostra Terra?

sistema proxima centauri

Secondo gli scienziati, la nuova Terra, si trova nella cosiddetta “fascia abitabile”, ovvero lo spazio necessario dove un pianeta che ruota attorno ad una stella, può avere caratteristiche tali da ospitare la vita come la intendiamo noi oggi; sia chiaro, non si parlerà mai di Alieni come la filmografia ci ha fatto credere fino ad oggi, ma di probabili forme di vita microbiche o magari anche pesci in quanto, il pianeta, è ricoperto principalmente da acqua allo stato liquido. Niente forme di vita intelligenti come l’uomo poichè il SETI (ente dedicato alla ricerca di forme di vita extraterrestri intelligenti) ha già scandagliato più volte il sistema Alfa Centauri di cui fa parte anche Proxima Centauri e non ha riscontrato nulla di anomalo.

proxima_centauri_distanza_sole

Ma perchè abbiamo dato questa notizia? Oltre al fatto che sia davvero una scoperta sensazionale, come citato in precedenza, ci sarà una svolta anche nell’ambito delle tecnologie atte a portare, inizialmente, alcune sonde sul pianeta gemello al nostro e poi anche l’uomo. 

Per quanto riguarda le sonde, vi avevo dato la notizia (clic qui) nel mese di maggio, che un progetto di un miliardario russo in collaborazione con l’astrofisico Stephen Hawking e con l’appoggio del patron di Facebook, Zuckenberg, è mirato a mandare una sonda proprio nel sistema di Alfa Centauri di cui fa parte Proxima Centauri; tale sonda sarà piccolissima come un chip e, dopo questa scoperta, si suppone, avrà come nuovo bersaglio il pianeta gemello della Terra e ci arriverà in “soli” 20 anni circa e ci riporterà immagini ad alta definizione del pianeta. Di seguito una suggestiva immagine ricreata da vari artisti che immaginano come sia la vista dal pianeta gemello della Terra.

esopianeta

 

La notizia è stata resa nota dalla rivista tedesca Der Spiegel.

Davide

Ho 39 anni, sono appassionato di tecnologia ed in particolar modo di Apple; ma non mi limito a quello, infatti vedrete tante mie recensioni di altri dispositivi e marche.