Honor 8: uno splendido TOP gamma [RECENSIONE]

Honor 8 è il nuovo smartphone che l’azienda ha recentemente lanciato sul mercato proponendolo come il TOP di gamma alla portata di tutti. Sulla carta sembra che l’idea originale sia andata in porto ma nell’utilizzo quotidiano come sarà questo prodotto?

DESIGN

Il design: ovviamente è la prima cosa che si nota in uno smartphone e, in un periodo come questo in cui tutti i prodotti sembrano assomigliarsi, va dato merito ad Honor di essere riuscita a creare un prodotto che si distingue e che è in grado di calamitare sguardi e occhiate di chi vi circonda. Realizzato in vetro legermente curvato sui bordi sia all’anteriore che al posteriore, si ha subito una sensazione di smartphone premium anche se si incorre in un possibile aumento di fragilità e in un certo aumento di ditate sulla scocca. Fortunatamente viene in nostro soccorso una spettacolare cover in materiale plastico che sarà acqusitabile separatamente e che non va a rovinare lo stile del device.
I bordi sono sapientemente rifiniti curando in modo maniacale la fresatura del metallo che corre tutt’attorno.
Disponibile in svariate colorazioni (Bianco, Nero, Gold e Blu), il più distinguibile dalla massa e il più elettrizzante è probabilmente quello in colorazione Sapphine Blue. La colorazione Blu, sebbene sia lucidata a specchio, non risulta pacchiana ma al contrario piace e dona un tocco di freschezza e giovinezza al prodotto. Il retro è stato realizzato con una particolare lavorazione di sottili lamine di vetro che, una volte sovrapposte e fuse asieme, riescono a garantire piacevoli giochi di rifrazione della luce.
Sempre al posteriore è piacevole notare come la doppia fotocamera sia stata “affogata” sotto alla scocca in vetro e come l’unico elemento in rilievo è il sensore biometrico delle impronte digitali.

HARDWARE

HONOR 8_11A livello hardware non manca davvero nulla e certamente non vi è nulla da invidiare a prodotti più blasonati. Il processore Kirin 950 fatto in casa è ben rodato e viene ora spinto a ottimi livelli per non risultare mai assonnato o indeciso. L’ottimizzazione del software completa poi l’opera. La memoria RAM da 4GB è abbondante e dei tagli di memoria interna non ci si può lamentare, sarà infatti possibile scegliere tra il modello da 32GB e quello da 64GB. Non va inoltre dimenticato il fatto che la memoria è espandibile grazie all’utilizzo di una MicroSD. Attenzione però perchè utilizzando una MicroSD si dovrà rinunciare a sfruttare la doppia SIM card. A livello di connettività non manca proprio nulla, dal Wi-Fi Dual-Band all’LTE e troviamo anche il comodissimo sensore IR remote che permette di comandare dispositivi esterni. Sulla scocca posteriore è presente un vero e proprio tasto che nasconde un rapidissimo e molto preciso scanner per l’impronta digitale, tuttavia se premuto è possibile accedere in modo rapido ad alcune applicazioni o funzioni personalizzabili.

SOFTWARE

Basato su Android 6.0 Marshmallow ma profondamente personalizzato con l’interfaccia EMUI 4.1, il software di Honor 8 è sempre fluido e non mostra mai la minima indecisione. Manca il drawer delle applicazioni e tutte le nostre app vengono spalmate nelle schermate home ma possiamo personalizare il prodotto in modo profondo. I temi sono numerosi e in continua crescita; la gestione delle due SIM è praticamente perfetta ed è anche presente la funzione Wi-Fi+ che scegli in modo intelligente tra rete wireless e rete mobile.
Non manca il chip NFC e preinstallata è presente anche un’applicazione che consente la scrittura dei TAG.
Bella la possibilità di settare la temperatura colore del display, peccato invece per il sensore di luinosità automatica che sembra essere tarato un po in basso e lascia lo schermo sempre un filino scuro. Perfetto invece il sensore di impronte digitali e comodissimo il “Tasto Smart” che consente l’accesso rapido a funzioni come attivazione del flash o il richiamo della ricerca Google. Leggermente sottotono invece le gestures che non sempre vengono riconosciute correttamente.
Nonostante lo schermo sia di dimensioni ampiamente abbordabili, l’azienda ha incluso una comoda funzione che riduce l’interfaccia e ne facilita l’utilizzo con una mano. È inoltre presente una modalità che scala l’interfaccia a risoluzione HD per ottenere una riduzione dei consumi anche se questa è davvero contenuta. Ben sviluppata è invece l’app “gestione telefono” che consente di avere sempre sott’occhio i consumi, il traffico dati e anche l’ottimizzazione dell’intero device.
Se proprio dobbiamo trovare una nota negativa al software di questo Honor 8, beh sicuramente non fanno troppo piacere le moltissime app e giochi che troviamo preinstallati all’avvio. Fortunatamente si possono rimuovere.

FOTOCAMERA

HONOR 8_5Seguendo la scia del fratello maggiore Huawei P9, ecco che anche Honor 8 viene dotato di un doppio sensore d’immagine al posteriore. Entrambe le fotocamere sono da 12Mpx ma una è a colori mentre la seconda è in bianco e nero. Il funzionamento di queste due fotocamere è al momento un po oscuro, infatti non abbiamo trovato una vera e propria modalità bianco e nero. Il sensore monocromatico sembra servire per ottimizzare i parametri di scatto del sensore principale e gestire particolari effetti di refocus anche in post produzione.
Al fianco dei due sensori trova posto un rapido autofocus di tipo laser che consente di passare rapidamente da un soggetto ravvicinato ad uno lontano. Infine troviamo un doppio flash LED bicromatico.

Le immagini catturate con la doppia fotocamera sembrano sempre ben bilanciate e definite. La velocità di scatto è più che ottima e non sembra presente quel micro effetto mosso che si ottine con altri prodotti un pochetto più lenti. Personalmente non ho trovato grande differenza tra uno scatto con HDR e uno senza, probabilmente i due sensori lavorano bene già di default.
Immancabili poi le numerosissime modalità di scatto, tra le quali troviamo anche lo scatto manuale che farà felici gli utenti un pochettino più esigenti. Non mancano poi le funzioni di light painting, Time-Lapse e rallentatore.

Lato video ci troviamo in presenza di un prodotto in grado di registrare al massimo in risoluzione FullHD ma non si sente la mancanza di risoluzioni maggiori. I video sono di buona qualità e anche in questo caso possiamo attivare una modalità “PRO” che permette di variare diversi settaggi.

In un periodo in cui la gente sembra vivere di selfies, ecco che anche Honor si vede costretta a puntare su di questa caratteristica e infatti ha integrato nello smartphone una fotocamera anteriore da 8Mpx in grado di scattare ottime foto e registrare video in qualità FullHD.
In condizioni di poca luinosità verrà automaticamente attivato uno sfondo bianco che permetterà di simulare il flash generando una buona illuminazione dei soggetti e renderà i vostri scatti sempre perfetti.
Immancabile l’effetto bellezza che sfuma le imperfezioni dei volti ma rende un po finti gli scatti.

Scatto
Fotocamera anteriore all’imbrunire – Con l’amico Massimiliano di TheGeekerz

Queste e altre immagini scattate con il nuovo smartphone di Honor, ma in risoluzione originale, le potete trovare a QUESTO indirizzo.

CONCLUSIONI

Il design curato e ricercato in accoppiata con la particolare colorazione Sapphine Blue conferiscono allo smartphone un fascino irresistibile. Non sarà difficile attrarre sguardi e richieste di informazioni riguardo questo incredibile prodotto. Il vetro stondato, che quasi si va a fondere con la cornice metallica anch’essa del colore primario, non solo è bello da vedere ma rende il device estremamente maneggevole e comodo da utilizzare. I 5.2 pollici del display uniti a una sapiente gestione dei bordi lo rendono uno di quei prodotti che è difficile non amare.
Già dai primi utilizzi la batteria da 3000mAh si dimostra all’altezza delle richieste e non faticherà a portarvi a fine giornata; va poi ricordata la presenza della ricarica rapida attraverso il connettore USB Type-C che consente di raggiungere un 47% di carica in appena 30 minuti.
Il software si rivela ora maggiormente maturo ed è la classica evoluzione della EMUI che troviamo sui prodotti di casa Huawei. Particolarmente apprezzate le funzioni per ridurre le dimensioni dell’interfaccia, per risparmiare batteria ed anche le varie scorciatoie che si nascondono tra gestures e sotto al tasto smart per le impronte digitali.
Pochi sono i punti grigi di questo smartphone, tra questi troviamo una doppia fotocamera posteriore apparentemente poco sfruttata, una certa scivolosità dovuta al rivestimento in vetro e un anomalo innalzamento delle temperature (solo in un angolo dello smartphone) in fase di utilizzo prolungato della fotocamera.

Complessivamente i punti a favore di questo piccolo-grande prodotto sono notevolmente superiori alle possibili pecche; già solo per il design si dovrebbe consigliare lo smartphone, se poi ci aggiungiamo hardware di rilievo, funzionalità uniche e un prezzo da medio gamma (399€ al lancio), beh possiamo certamente considerare Honor 8 come lo smatphone ideale per molti di voi. Se fosse stata presente anche una protezione di tipo IPxx avremmo certamente avuto lo smartphone definitivo ma forse questo è chiedere troppo…

NON CHIMATELO SMARTPHONE DI FASCIA MEDIA FERMANDOVI A GUARDARE SOLO IL PREZZO, 
QUESTO È UN VERO E PROPRIO TOP!

VOTO 8.5

razzox

Ragazzo di 28anni appassionato di tecnologia e di telefonia in particolare. Si è avvicinato al mondo del blogging con un precedente progetto ed ora porta le sue conoscenze e la sua passione a tutti gli utenti. Attualmente è co-fondatore e co-amministratore di TechDifferent.it. Test, prove e guide sono il suo pane quotidiano!