Exo Mars, l’Italia su Marte; domani la conferma del “touchdown”

L’Italia atterrerà su Marte con la sua tecnologia grazie alla missione Exo Mars, ovvero la ricerca di vita aliena microbica sul “pianeta rosso”; un’impresa molto difficile ma al contempo bella ed affascinante come dichiarato da Enrico Flamini, coordinatore scientifico dell’Asi (Agenzia spaziale italiana).

Il primo passo della discesa su Marte della sonda è avvenuto nella giornata del 16 ottobre con il distacco del modulo Schiapparelli, in onore all’astronomo italiano che realizzò la prima mappa del “pianeta rosso”, dalla nave madre Trace gas orbiter. L’appuntamento è per domani, 19 ottobre, nella prima serata in cui si saprà dalla sonda l’avvenuto contatto con il suolo marziano e l’inzio della missione di ricerca che porta con sé molta tecnologia italiana a bordo; per questo importante avvenimento è stato anche fissato un evento da parte dell’Asi, che si terrà nella giornata di domani presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma dove si potranno seguire live tutte le sessioni di atterraggio fino al tanto sperato segnale di OK che la sonda dovrà emettere una volta atterrata.

trace_gas_orbiter_schiaparelli

La sonda atterrerà nella regione in cui la Nasa fece atterrare Opprtunity, l’ormai famoso Rover che scorazza in quella regione da ben 12 anni restando tuttora attivo; le condizioni però saranno molto impervie per via delle tempeste stagionali che sul pianeta marziano sono molto più potenti di quelle a cui siamo abituati a vedere sul nostro pianeta.

Ovviamente Schiapparelli ha tutto il necessario per poter atterrare in sicurezza, a partire dallo scudo termico che proteggerà il modulo durante il passaggio nell’atmosfera; poi si aprirà il paracadute e siaccenderanno i retrorazzi frenanti che daranno maggiore stabilità al modulo durante l’atterraggio nel Meridiani Planum.

solarsystemwiki-meridiani-planum

Flamini spiega che “L’Italia ha un ruolo guida in Europa su Exo Mars; la nostra nazione è l’unica ad impiegare strumenti propri (ad eccezione della Nasa, USA) nelle missioni di osservazione di tutti i corpi nel nostro sistema solare”. Cliccando qui verrete rimandati alla sezione dedicata del sito dell’Asi.

Non ci resta che attendere domani sera per sapere se sarà filato tutto liscio per la sonda Schiapparelli. Inoltre, potremo anche noi seguire la diretta video dell’evento semplicemente cliccando qui, verrete rimandati alla pagina di AsiTV dedicata a “L’Italia va su Marte”.

Via

Davide

Ho 39 anni, sono appassionato di tecnologia ed in particolar modo di Apple; ma non mi limito a quello, infatti vedrete tante mie recensioni di altri dispositivi e marche.