Nokia 8 – Non ancora al Top, ma la strada è quella giusta [Recensione]

Grazie alla collaborazione di HMD Global abbiamo ricevuto in test l’ormai noto Nokia 8, smartphone presente sul nostro mercato già da qualche mese, e che in circa 2 settimane di test mi ha lasciato una buona impressione generale, anche se alcuni aspetti non mi hanno pienamente convinto. Vediamo, in dettaglio, luci ed ombre di questo smartphone che ha segnato il ritorno del Brand Nokia nella fascia alta del mercato.

 

SPECIFICHE E UNBOXING

Il Nokia 8 vanta delle caratteristiche interessanti, che lo hanno posto in diretta competizione, almeno sulla carta, con alcuni degli smartphone top di gamma del 2017. Diamo una occhiata alle caratteristiche tecniche più rilevanti:

  • Processore Qualcomm Snapdragon 835 octacore
  • GPU Adreno 540
  • SO Android 7.1.1 Nougat al rilascio. Attuale versione SO 8.0.0 Oreo
  • 4 GB di RAM
  • 64 GB di memoria di archiviazione interna UFS2.1, espandibili tramite microSD  fino ad un massimo di 256 GB
  • Schermo da 5.3 pollici, 2.5D (con trattamento Corning Gorilla Glass 5) IPS QHD (2560 x 1440) e densità 554 ppi
  • Doppia fotocamera posteriore composta da un sensore RGB con OIS da 13 MP + un sensore monocromatico anch’esso da 13 MP, apertura f2.0, messa a fuoco automatica con PDAF (Phase Detection Auto Focus), rilevatore di distanza IR e doppio flash LED. La registrazione video arriva fino al 4K a 30 fps
  • Fotocamera anteriore da 13 MP con AF ed effetto Flash dato dalla illuminazione dello schermo. Anche in questo caso i video sono registrabili fino a 4K a 30 fps
  • Possibilità di effettuare lo streaming diretto su Facebook Live e YouTube Live in Dual-Sight mode
  • Batteria da 3090 mAh
  • Dual nano SIM – 4G LTE classe 9
  • Lettore di impronte digitali anteriore
  • WiFi 802.11 b/g/n/ac (MIMO) e BlueTooth 5.0. Presente anche il chip NFC
  • Ingresso USB 3.1 Type-C
  • Audio 3D Nokia OZO con possibilità di registrazione a 360 gradi
  • Certificazione IP54 (protezione contro polvere e spruzzi)

Le specifiche complete sono disponibili al seguente link: Nokia website

All’interno della confezione di vendita troviamo inoltre:

  • Caricabatterie Quick Charge 3.0
  • Cavo USB Type C
  • Auricolari
  • Chiavetta di apertura slot SIM
  • Guida rapida
PRIME IMPRESSIONI

Le dimensioni sono pari a 151.5 mm (A) x 77.7 mm (L) x 6 mm (P) con un peso di 159 grammi circa. Buona la portabilità, anche nelle tasche dei pantaloni, ma difficoltoso mantenere una presa sicura a causa del binomio form-factor / materiali utilizzati per la scocca (alluminio serie 6000).

Il corpo è costituito da un unico blocco in metallo, ottimamente lavorato. Su di esso sono inseriti il pulsante di accensione/spegnimento e il bilanciere del volume (entrambe con superficie liscia) oltre al cassettino delle nano-SIM/microSD. Superiormente ed inferiormente corrono , lungo il profilo, due bande in materiale plastico che accolgono lo speaker, l’ ingresso USB Type-C e l’ingresso per il jack audio standard. 

Il display risulta leggermente stondato, dotato di bordi sottili lateralmente e “generosi” in alto e basso. Inoltre anteriormente ritroviamo il lettore di impronte (spoiler: abbastanza preciso ma certo non rapidissimo) i tasti di back e multitasking  (dotati di retroilluminazione che si attiva quando viene riattivato il dispositivo dallo stato di pausa) la fotocamera anteriore, la capsula auricolare, che comprende uno dei tre microfoni, e la scritta Nokia, che campeggia anche sulla cover. 

Tenendo in mano il Nokia 8 si ha la sensazione di maneggiare un dispositivo solido, ottimamente realizzato ma difficile da gestire, in alcuni frangenti, a causa della notevole scivolosità. Più di una volta ho temuto di perdere la presa, realizzando un involontario quanto devastante droptest. Anche se sono “prime impressioni” l’aria si capisce subito: la cover è d’obbligo.

Il  colore Silver del modello che ci è stato inviato in prova, contribuisce a regalare un aspetto elegante, anche se non originale. Ciò nonostante a me è piaciuto da un punto di vita estetico. A tale riguardo vi rimando alla galleria di immagini ravvicinate a elevata risoluzione, disponibile sulla nostra pagina Facebook.

ANALISI

Vediamo come si è comportato il Nokia 8, esaminando reparto per reparto, le performances ottenute dopo circa 14 giorni di utilizzo come primo telefono, sfruttando  entrambi gli slot delle SIM (una SIM per le chiamate vocali ed SMS, l’altra esclusivamente per il traffico dati).

Prestazioni generali 

Il processore Qualcomm Snapdragon 835, la GPU Adreno 540, i 4 GB di RAM e Android in versione praticamente pura, consentono di godere di una fluidità e reattività in tutte le situazioni nelle quali mi sono trovato a utilizzare lo smartphone, partendo da semplici task come navigazione web e uso di social network, fino ad arrivare a compiti più impegnativi come alcune sessioni di gaming, con grafica settata al massimo della qualità, rappresentate nel mio caso da Dead Trigger 2 e Asphalt 8. Per quest’ultimo in realtà ho notato qualche micro-lag in alcuni frangenti, ma nulla che abbia potuto inficiare l’esperienza di gioco, che si è rivelata sempre godibile. Solo dopo una ventina di minuti ho percepito un leggero calore sulla parte alta della backcover (attorno alla fotocamera).

A puro titolo informativo, ecco i risultati dei benchmark, ottenuti tramite Geekbench 4, Singole core + Multi core:

Come anticipavo poco sopra, il sensore di impronte si dimostra preciso ma non rapidissimo  (stessa reattività del mio Moto Z Play, tanto per citare un esempio). Ma nulla di cui potersi lamentare.

Schermo

Ci troviamo di fronte ad uno schermo da 5.3 pollici, 2.5D IPS QHD (2560 x 1440) con una elevata densità di 554 ppi. Le caratteristiche tecniche si traducono, nella pratica, in un display che  riproduce ottimamente immagini e testi, anche all’ esterno. La luminosità automatica è abbastanza rapida e gli angoli di visione sono ampi. Il trattamento oleofobico non mi ha deluso. Le notifiche relative alla ricezione di sms, telefonate ed emails sono visualizzabili (più in ambienti chiusi che all’aperto, a causa della limitata luminosità) tramite la Nokia Glance, ovvero la funzionalità che mostra alcuni dati, selezionabili dall’utente, quando il telefono viene spostato, in sostituzione del LED di notifica. Funzionalità che ad ogni modo, non avendo a che fare con tecnologia AMOLED che spegne letteralmente i pixel non utilizzati, ha un impatto sulla batteria, anche se non determinante.

Nokia Glance

Presenti anche l’opzione del doppio tocco per “risvegliare” il display, quella relativa alla luminosità notturna e come di consueto, quelle di gestione delle dimensioni del carattere e dello schermo per modificare rispettivamente la grandezza del testo e degli elementi (come menu ed applicazioni).  Il giudizio globale è certamente molto positivo.

Batteria

La gestione dei consumi permette, anche sotto stress, di arrivare a fine giornata in assoluta scioltezza, senza dover ricorrere al risparmio energetico (comunque selezionabile all’occorrenza). Ho superato ripetutamente le 4 ore e mezza di schermo acceso (in un paio di occasioni ho superato anche le 7 ore), sempre con poche telefonate ma con un pesante utilizzo di applicazioni, navigazione internet e con WiFi + Bluetooth spesso attivi.

La ricarica, sfruttando il caricabatteria fornito in dotazione è piuttosto rapida grazie alla Quick Charge 3.0. Ho dovuto attendere circa 1 ora e 45 minuti per il completamento del processo, con lo smartphone acceso, facendone un uso veramente blando:

Sistema Operativo e User Interface

La versione Android attualmente installata è la 8.0.0, con patch di sicurezza aggiornate al primo Gennaio 2018, nel momento in cui scrivo (6 Febbraio 2018). L’esperienza è praticamente “pure” con personalizzazioni che riguardano, specialmente, la fotocamera e la Glance di cui ho parlato poco sopra. Non ci sono gestures particolari da segnalare (ad eccezione del già citato doppio tocco per risvegliare lo schermo) neanche a carico del sensore. Dalla home, uno swipe verso l’alto permette di accedere a tutte le app installate, mentre a display attivo i tasti di “back” e  “multitasking” vengono retroilluminati ad ogni interazione con lo schermo. Tutto risulta reattivo e intuitivo, come mi aspettavo, e l’esperienza d’uso è sempre appagante. anche quando i programmi in esecuzione sono molti.

 

Fotocamere

Il modulo posteriore è costituito da una doppia fotocamera composta da un sensore RGB con OIS, da 13 MP + un sensore monocromatico anch’esso da 13 MP, apertura f2.0 e messa a fuoco automatica con PDAF. Complessivamente mi ha convinto dal punto di vista delle foto per ciò che riguarda dettagli, fedeltà dei colori e gestione dell’HDR. Non male la risposta in condizioni di scarsa illuminazione. E’ possibile catturare immagini sfruttando il sensore a colori, quello monocromatico o entrambe ma con tutta onestà utilizzando quest’ultima opzione non ho trovato miglioramenti sostanziali. Sono anche disponibili le modalità di effetto bokeh (a mio avviso applicato in maniera soddisfacente), panorama, ritocco e manuale (un pò sacrificata in termini di varietà di settaggi offerti). A tale proposito, il nostro test foto è raggiungibile sempre sulla nostra pagina Facebook.

La velocità di messa a fuoco automatica e il corretto mantenimento di questa sul soggetto principale della scena ripresa, hanno mostrato l’aspetto meno convincente ma mai così critico come nei video. Qui il problema si presenta con maggiore evidenza anche se non costantemente. L’OIS non mi ha colpito, mentre mi attendevo un risultato peggiore dalle registrazioni notturne. Ottimo l’audio catturato grazie ai 3 microfoni e alla tecnologia OZO che permettono di scegliere se evidenziare la voce di chi sta effettuando la ripresa, il suono che proviene davanti a noi o quello proveniente dall’ambiente circostante. Di seguito potete trovare una serie di test che testimoniano la qualità generale che, al netto dei problemi rilevati, si attesta su un livello discreto, anche se nutrivo aspettative maggiori: 

La fotocamera anteriore da 13 MP con AF, consente di realizzare buoni scatti e video (anche qui fino al 4K a 30 fps).

Grande enfasi è stata posta da HMD sulla possibilità di dividere l’interfaccia della applicazione fotocamera in due, utilizzando contemporaneamente il modulo posteriore e anteriore (il Dual-Sight mode) in modo da riprendersi e immortalare ciò che stiamo osservando. Una buona idea, non certo nuova ma ben realizzata e stabile, che permette anche di trasmettere in streaming su Facebook o YouTube. Personalmente l’ho utilizzata molto poco, ma per altri utenti potrebbe rappresentare un decisivo valore aggiunto, unito alla già citata ottima qualità di cattura audio.  

Gestione delle SIM e qualità delle connessioni

La variante giunta in test era un dual nano SIM. E’ possibile scegliere la SIM preferita per traffico dati, chiamate e SMS. Non ho mai sperimentato difficoltà di ricezione e la qualità delle chiamate si è sempre attestata su un buon livello, anche per la persona con la quale stavo parlando.

Lo speaker posto inferiormente genera un elevato volume sonoro, con una discreta chiarezza, sia per voce che per musica. Bene il WiFi 802.11 b/g/n/ac (MIMO), il GPS, e il BlueTooth 5.0. Non mancano il chip NFC e la funzionalità hotspot. In generale un comparto completo e affidabile.

CONCLUSIONI

Il Nokia 8 è attualmente disponibile, on-line con garanzia EU a 389 euro, e con garanzia Italia a circa 70 euro in più. Il rapporto qualità/prezzo, specie nel primo caso, è molto elevato (dovrebbe essere  aggiunto un mezzo voto in più a quello complessivo, in relazione a questo particolare).  Non è al top se confrontato con altri smartphone, ma era stato lanciato anche ad un costo inferiore (599 Euro) rispetto ai suoi – teorici – competitors diretti. Gli aspetti positivi sono molti con alcuni punti di miglioramento, in settori importanti, da soddisfare. HMD e Nokia, a mio modesto avviso, sono però sulla strada giusta per lanciare, nel prossimo futuro, un dispositivo che combatta ad armi pari con gli avversari della fascia più alta del mercato.

 

Nokia 8

389€ (Garanzia EU)
Nokia 8
7.7

Materiali/Realizzazione/Ergonomia

6.5 /10

Display

9.0 /10

Prestazioni

8.0 /10

Fotocamera

7.0 /10

Autonomia

8.0 /10

Pro

  • Materiali
  • Display
  • Autonomia
  • Tecnologia audio OZO
  • Qualità foto

Contro

  • Ergonomia
  • Affidabilità dell'Auto Focus
  • Qualità video (non un vero e proprio aspetto negativo, ma pensavo meglio)
  • L'estetica potrebbe non attrarre

Fabrizio Paoletti

44enne affetto dalla....sindrome di Peter Pan, appassionato di tecnologia ed affascinato dalle molteplici opportunità offerte dal web