Recensione monitor Philips da 34 pollici della serie X-Line

Da MMD, azienda licenziataria dei display a marchio Philips, abbiamo ricevuto in prova un monitor molto interessante che punta ad unire una ottima dotazione tecnica, con una oggettiva buona qualità estetica. Stiamo parlando del modello Ultra Wide curvo da 34 pollici 349X7FJEW, appartenente alla serie X-Line.

 

Unboxing e caratteristiche tecniche

All’interno della ingombrante confezione di vendita trovano posto:

  1. Monitor con supporto
  2. Cavo HDMI, cavo DP, cavo USB, cavo audio, cavo di alimentazione
  3. Manuale utente

Una buona dotazione di cavi quindi.

Dal punto di vista delle specifiche, quelle di maggior rilievo sono riassunte nella tabella sottostante:

Specifiche Display Philips 349X7FJEW
Tipo schermo LCD VA LCD
Tecnologia di retroilluminazione W-LED
Dimensioni pannello 34 inch / 86.36 cm
Formato 21:9
Risoluzione ottimale 3440 x 1440 @ 60Hz
Area di visualizzazione effettiva 797.22 (H) x 222.72 (V) – con curvatura da 1800 R
Angolo di visuale 178° (H) / 178° (V), @ C/R > 10
Luminosità 300 cd/m²
Colori display 16.7 milioni
Spettro di colori (tipico) 117.3% (CIE1931) sRGB
SmartContrast 50,000,000:1
Funzioni
  1. Altoparlanti incorporati: 5 W x 2
  2. MultiView: modalità PIP/PBP, 2x dispositivi
  3. Kensington lock, VESA mount (100x100mm)
  4. Compatibilità Plug & Play: DDC/CI, Mac OS X, sRGB, Windows 10 / 8.1 / 8 / 7
Miglioramento dell’immagine SmartImage game
Connettività
  1. Ingresso Segnale: DisplayPort 1.2, HDMI 1.4 x 1, HDMI 2.0 x 1
  2. USB: USB 3.0×4 (1 w/ricarica rapida)
  3. Ingresso Sincronizzazione: Sincronizzazione Separata, Sync su verde
  4. Audio (In/Out): Ingresso audio PC, uscita cuffie
Stand
  1. Regolazione altezza: 150 mm
  2. Inclinazione: -5/20 gradi
Sostenibilità
  1. Ambientale ed energetica: RoHS, senza piombo e senza mercurio
  2. Materiali della confezione riciclabili: 100 %
Conformità e standard Omologazioni: CE Mark, FCC Class B, CUEAC, WEEE, TUV/ISO9241-307, RCM
Cabinet
  1. Colore: Bianco
  2. Piede: Argento/Cromato
  3. Finitura: Lucida
Primo contatto

Il primo impatto con questo dispositivo è sicuramente positivo. Il montaggio della base metallica con il display è semplicissimo grazie al meccanismo di aggancio posteriore, una delle caratteristiche alle quali ci ha abituato Philips. Una volta terminato l’assemblaggio il monitor risulta abbastanza stabile (in realtà, applicando un pò di forza è semplice provocare una oscillazione del pannello). Forse, la struttura a doppio triangolo del piedistallo può dare qualche problema per posizionare lettori, casse o consolle se c’è poco spazio a disposizione.

Le linee sono moderne. Frontalmente spicca lo schermo da 34 pollici 3440 x 1440 @ 60Hz. La scocca che lo racchiude è interamente di plastica lucida. Le cornici sono quasi inesistenti su tre lati, mentre quella più evidente (inferiore) accoglie al centro un segmento in plastica trasparente che riporta la scritta “PHILIPS”, illuminata di continuo (il livello è regolabile) quando c’è un dispositivo acceso collegato o lampeggiante se è assente il segnale di input.

Posteriormente sulla destra si trova il piccolo joystick con il quale è possibile richiamare i 4 menù di gestione e a seguire tutti gli ingressi.

Lo snodo presente tra lo stand e il display permette di inclinare in avanti o indietro il pannello e aumentare o diminuire l’altezza grazie ad una slitta facilmente gestibile.

Le tecnologie utilizzate

Diverse le tecnologie software ed hardware utilizzate in questo monitor. Ecco quelle più rilevanti:

Ultra Wide-Color: offre uno spettro cromatico più ampio con verdi più naturali, rossi più vivaci e blu più profondi. Ne guadagna in brillantezza l’immagine.

AMD FreeSync™: Funzionalità che offre un refresh rate dinamico che sincronizza il monitor al framerate delle schede grafiche AMD Radeon, migliorando l’esperienza di gioco.

Frequenza di aggiornamento elevata fino a 100Hz: L’immagine viene riprodotta fino a 100 volte al secondo, con una velocità pertanto superiore rispetto a quella di un display standard. Il movimento durante le sessioni di gioco risulterà più fluido. La frequenza di aggiornamento massima a 100Hz è disponibile tramite HDMI 2.0 o DisplayPort, anche se va considerato che la risoluzione ottimale di funzionamento è 3440 x 1440 a 60Hz.

Sistema MutiView: Poter affiancare due distinte immagini di egual grandezza (Picture-by-Picture) o averne una più piccola ed una per così dire principale (Picture-in-Picture), potendo scegliere da quale fonte attingere il segnale audio, si traduce in un incremento di produttività ma anche di divertimento, a seconda delle situazioni.

Modalità Picture-by-Picture (a destra schermata Xbox One con Netflix, a sinistra YouTube
Modalità Picture-in-Picture

Connettività USB 3.0: La presenza di un HUB 3.0 (retrocompatibile 2.0) dona grande versatilità e permette di gestire in maniera più funzionale la “giungla” dei cavi. Questa funzionalità non è solo sfruttabile con i PC ma anche con le console (o almeno nel caso della Xbox One inserendo il joypad sul retro del monitor l’ho potuto utilizzare senza problemi).

Preset per il divertimento (SmartImage): Già pronte per essere selezionate ci sono 6 opzioni (la settima disattiva SmartImage) che modificano  contrasto, saturazione del colore e nitidezza a seconda della tipologia di immagini visualizzate. Ad esempio nel caso di un FPS (sparatutto) vengono migliorati i dettagli del livello del nero.

OSD (On-Screen-Display): Presente su tutti i monitor LCD Philips, consente di regolare svariati parametri tramite una finestra che appare in basso, sulla destra. In questa maniera si può personalizzare la propria esperienza d’uso. 

Menu OSD

SmartContrast: Tecnologia che permette al monitor di analizzare, sul momento, ciò che stiamo visualizzando e di ottimizzare in maniera automatica il rapporto di contrasto. Utile non solo per il proprio comfort, ma anche per il risparmio energetico che deriva da una adattabilità di questo genere.

Altoparlanti stereo: I 2 altoparlanti stereo da 5W, alloggiati inferiormente/posteriormente, producono un buon volume sonoro.

Esperienza d’uso

Mi sono divertito con questo monitor. Esteticamente incontra i miei gusti anche se la scocca in plastica dona una sensazione non-premium al tatto. Il montaggio è, come detto all’inizio, semplicissimo e la base è molto stabile. Funzionali anche la slitta che serve per la regolazione dell’altezza e lo snodo che gestisce l’inclinazione del pannello. Una mancanza è quella relativa alla impossibilità di ruotare orizzontalmente il display. Considerando che questo esemplare viene dedicato ai test in giro per l’Italia, potrei anche azzardare l’ipotesi che sia garantita una certa durata nel tempo di questi meccanismi. 

Gli ingressi posteriori sono accessibili senza problemi. Il piccolo joystick con il quale selezionare i 4 menu principali è semplice da raggiungere e con un pò di esercizio il suo utilizzo diviene intuitivo. 

Ampi spazi sul retro del monitor

La curvatura che contraddistingue questo esemplare della linea X, permette di godere appieno di immagini o testi. Gli angoli di visione non sono ampissimi, ma la tecnologia VA ha questo tipo di caratteristica e la struttura non lineare del display suggerisce che per questo modello non sia un aspetto da tenere a mente più di tanto (è logico che per un osservatore la posizione più opportuna sia  quella centrale). Buoni sono il contrasto, l’uniformità del nero e la resa dei colori. Ci sarebbero anche da considerare i pre-set SmartImage per ottimizzare la propria esperienza visiva ma ad essere sincero durante alcune sessioni di giochi di guida con la Xbox One, selezionando le diverse opzioni, non ho sperimentato particolari differenze (ad eccezione di quella Low Blue Light). Non posso esprimere giudizi, purtroppo, sull’ AMD FreeSync. Comunque, pur non potendolo considerare un monitor da gamer vero e proprio, le prestazioni sono assolutamente soddisfacenti.

Il particolare formato 21:9 aiuta nell’affiancare due finestre ma personalmente ho preferito la modalità PiP (finestra più grande per editare testi, quella più piccola usata per riprodurre dei video). Compatibilità immediata assicurata con tutto quello che ho collegato nel corso di questi giorni (PC e XbOx One in primis…cito anche la Chromecast solo per dovere di cronaca). Innegabile, ad ogni modo, la versatilità di questo prodotto indicato per produttività (non solo basilare, come la mia ma anche più spinta come nel caso di chi lavora nel campo della grafica) e per il divertimento in generale. 

Conclusioni

Il monitor 349X7FJEW è un buon prodotto. Fa della versatilità il suo maggior pregio, ben adattandosi in ogni contesto, senza eccellere in un particolare campo. Il prezzo online che parte da circa 690 euro (lo scorso anno, all’uscita in Aprile, era 899) è comunque un elemento da considerare.

 

Monitor Philips 349X7FJEW

690 euro circa
7.5

Prestazioni

7.2/10

Versatilità

8.0/10

Estetica e realizzazione

7.2/10

Pro

  • Versatile
  • Buone prestazioni, in generale
  • Esteticamente accattivante
  • Facile da assemblare

Contro

  • Il pannello non può essere ruotato orizzontalmente
  • La base potrebbe creare qualche problema di ingombro
  • Prezzo da considerare, se avete esigenze specifiche

Fabrizio Paoletti

44enne affetto dalla....sindrome di Peter Pan, appassionato di tecnologia ed affascinato dalle molteplici opportunità offerte dal web